Blog

    Mercoledì scorso un dotto amico mi scriveva via sms citandomi il simposiatra.
    Io immediatamente ho aperto Wikipedia con l’app del telefonino, ho cercato simposiatra ed ho continuato la conversazione sms con lui, fingendo di aver sempre saputo di cosa stesse parlando.
    Una decina di anni fa avrei dovuto rientrare a casa, consultare il dizionario o accendere il pc per ricercare in Internet.

      Come già detto nell’introduzione, è sicuramente più importante il cammino di crescita che scegliamo, rispetto alle informazioni che riusciamo a reperire, questo perché le informazioni le riusciamo ad inglobare in noi solamente se è il momento giusto per noi di comprenderle.
      Sarebbe impossibile spiegare argomenti universitari a chi non ha le basi per comprenderli.
      Ma queste basi sono parte del nostro personale cammino individuale.
      Io ho scelto di porre su di un enorme foglio bianco tutte le informazioni che mi appassionano, o mi incuriosiscono, senza pregiudizi e senza discriminazioni.

        Verso la fisica quantistica in modo comprensibile.

        La luce si mostra sicuramente come un’onda, infatti nel suo propagarsi da una sorgente verso l’esterno, la luce assomiglia all’onda del mare che si muove, con picchi e valli, punti più alti e punti più bassi, dall’orizzonte verso la spiaggia.
        Le onde che noi vediamo nell’acqua non sono regolari ma questo perché sono composte da più onde che si mescolano.
        Se avessimo a che fare con un’unica onda, come quella provocata da un sasso lanciato in uno stagno grande e piatto, vedremo un movimento molto regolare.

        La nostra pagina Facebook

        5,249FanMi piace